10 strategie di marketing per il Black Friday per imprese food&beverage e ristoratori

10 strategie di marketing per il Black Friday [+ 1 che non ti aspetti]

Il Black Friday non è tanto una battaglia di sconti, come viene facile pensare, ma una battaglia di attenzione.

Lanciato da brand come Amazon e Apple, da ormai una decina di anni, si è radicato anche nel mercato italiano. Ma perché rappresenti davvero un’occasione di crescita, di aumento delle vendite in un periodo di tempo brevissimo, ci sono strategie di marketing per il Black Friday da conoscere e mettere in pratica. Non tutte, chiaro.

Che tu sia un ristoratore, un distributore, un consulente o abbia una PMI nel food&beverage devi testare quali sono più efficaci e sostenibili per la tua impresa. Niente panico; per ognuno ti darò dei consigli, anche in base alla tua attività specifica.

Alla fine di questo articolo, troverai anche un’idea che non ti aspetti. Ma intanto, ecco 10 strategie da cui iniziare:

  1. fai leva su urgenza e scarsità;
  2. crea curiosità e desiderio;
  3. pensa a qualcosa di ancora più esclusivo;
  4. fai un post carosello su IG e FB;
  5. lancia un nuovo prodotto o piatto;
  6. crea dei pacchetti;
  7. fai un regalo per ogni acquisto;
  8. progetta una newsletter ad hoc;
  9. crea una guida;
  10. allunga il Black Friday.

Strategie di marketing per il Black Friday: cosa serve

Sarà ovvio dirlo – ma se lo dico è perché penso che non lo sia abbastanza -. Per mettere in pratica queste strategie, hai bisogno di strumenti su cui poter lavorare e mettere mano. Sito web (meglio se con plugin per pop-up), blog aziendale, e-commerce, pagine social, piattaforme di email marketing già a posto e che usi quotidianamente. Non ha senso ancora chiedersi se sia meglio il sito web o i social: sono complementari.

Perché lo ripeto di continuo? Perché senza questi strumenti non puoi trasformare le tue strategie in comunicazione. C’è differenza tra marketing e comunicazione, ma l’uno non può esistere senza l’altra e viceversa. Sono il cosa e il come che ti permettono di arrivare al pubblico e raggiungere gli obiettivi. Detto questo, partiamo.

1. Fai leva su urgenza e scarsità

Due delle leve persuasive più potenti e usate sono l’urgenza e la scarsità. Hai presente quando vuoi prenotare su Booking e in rosso compare la scritta “Resta solo 1 camera a questo prezzo”? Scarsità. Oppure “L’offerta è valida solo per oggi”; urgenza.

Dare un limite di tempo o di pezzi/posti aiuta ad aumentare le vendite e le prenotazioni, perché sfrutta la FOMO (Fear Of Missing Out): la paura che abbiamo di perdere qualcosa. Inserisci un countdown sul sito per rendere tutto ancora più incisivo.

Questa è una strategia che puoi sfruttare qualsiasi sia la tua impresa e anche al di là del Black Friday. Attenzione però a non abusarne o a usarla in modo scorretto e poco trasparente verso il cliente.

Leve di urgenza e scarsità: il caso Booking

2. Crea curiosità e desiderio

Gioca d’anticipo. Le strategie di marketing per il Black Friday partono ben prima di quel giorno effettivo (e possono prolungarsi anche dopo, ma lo vedremo più avanti). Inizia a creare curiosità, a generare desiderio per quell’acquisto, o esperienza, nei giorni precedenti.

Ad esempio, se hai un’azienda, puoi realizzare un video teaser che mostra alcuni dei prodotti che saranno scontati o creare dei post o delle storie ad hoc sui social per svelarli uno dopo l’altro.

Se invece sei un ristoratore, a meno che tu non venda anche prodotti fisici come le bottiglie di vino, per il Black Friday puoi creare un’offerta speciale, un’esperienza e, anche in questo caso, iniziare a svelarla poco alla volta, giocando sul non detto.
Di nuovo, puoi usare il countdown per generare attesa.

3. Pensa a qualcosa di ancora più esclusivo

Hai dei clienti fidelizzati? Qualcuno che ti sostiene da sempre? Fallo sentire importante, concedendogli dei vantaggi in più. Uno sconto maggiore con codice esclusivo, pacchetti premium dedicati, oppure l’accesso prioritario e la possibilità di usufruire delle offerte prima degli altri. Naturalmente, comunica questa esclusività: “solo per te”, “perché ti abbiamo scelto tra i migliori clienti” etc.

4. Fai un post carosello su Instagram e Facebook

Raggruppare in un solo post le immagini di più prodotti, in modo che le persone possano visualizzarli scorrendo, aumenta il desiderio di acquisto (per loro) e il punteggio di pertinenza (per noi; quindi l’algoritmo lo riconosce come un buon contenuto, dandogli più visibilità).

Ti sarà capitato, mentre scorri su Facebook, di vedere i post di Shein, Faire o di Zalando con le varie “schede” articolo, e la call to action “acquista ora”, fino all’ultima che è il link e-commerce o per scaricare l’app. Questo è un formato che trovi quando sponsorizzi i post e che ti aiuta moltissimo in queste occasioni. 

Certo, puoi anche decidere di non investire in pubblicità – che in questo periodo costa di più -, ma raggiungerai molto meno pubblico, anche se stai lavorando bene in organico (non a pagamento).

Se hai un ristorante, e hai pensato a un menu speciale, puoi usare questo formato per far vedere le diverse portate del menu e poi spingere alla prenotazione.

Carosello Facebook: un formato post da scoprire

5. Lancia un nuovo prodotto o piatto

Il Black Friday non è tanto una battaglia di sconti, come viene facile pensare, ma una battaglia di attenzione. Questo ha molto a che fare con l’ultima idea che ti dirò in fondo all’articolo e che, probabilmente, non ti aspetti. 

Comunque il Black Friday può essere il momento buono per lanciare un nuovo prodotto, magari a un prezzo speciale, o addirittura disponibile solo per quei tre giorni.

Quest’ultimo consiglio può aiutarti molto se sei un ristoratore e hai, quindi, un’attività dov’è difficile fare sconti, non avendo un articolo fisico, ma puoi pensare a menu o piatti speciali, esclusivi, disponibili in un breve periodo di tempo, con abbinamento di vini incluso per aumentare la marginalità.

6. Crea dei pacchetti

Fare sconti su bundle di prodotti, su pacchetti, incrementa lo scontrino medio e la marginalità, rispetto a fare sconti su singoli articoli. 

Se hai un’azienda puoi pensare di creare dei box misti per diverse occasioni “il regalo perfetto per la mamma”, “i prodotti per le tue cene speciali” etc. oppure box tematiche: “tutti i nostri vini rossi”, “degustazione di mieli italiani di montagna”, per fare qualche esempio.

Se sei un ristoratore puoi creare dei pacchetti esperienza e spingere il cliente ad acquistare subito magari 3,5,10 cene successive. Puoi pensare a delle cene tematiche e realizzare una sorta di fidelity card, delle cartoline da vendere scontate solo per il Black Friday.

Visto il periodo, è importantissimo fare leva già sul regalo di Natale, sul prepararsi in anticipo.

Bundle prodotti per il Black Friday

7. Fai un regalo per ogni acquisto

Spingi all’acquisto o alla prenotazione, promettendo un rinforzo positivo successivo. Un extra vantaggio oltre lo sconto. Può essere un prodotto in più (occhio a starci dentro coi costi), un piccolo gadget. Oppure può essere un incentivo per ripetere l’esperienza: buono 10% sul prossimo acquisto (puoi decidere se inserire una spesa minima o meno) o sulla prossima cena al ristorante.

8. Progetta una newsletter ad hoc

Puoi pensare a una serie di newsletter per il Black Friday che culminano in quella commerciale delle offerte.

Nei mesi precedenti (sì, qui parliamo di mesi), metti in piedi delle strategie per aumentare gli indirizzi mail presenti nelle tue liste. Installa un pop-up, tramite plugin come Pop-up Builder (o fatti aiutare da uno sviluppatore), su pagine strategiche del tuo sito web per l’iscrizione alla newsletter. Dopodiché puoi pensare, appunto, a una mail che crea desiderio e interesse, a più mail che svelano i prodotti/piatti fino ad arrivare a quella vera e propria delle promozioni.

Qual è la cosa più importante della mail?

No, non il testo. L’oggetto, l’headline. Un oggetto della mail inefficace vanifica tutto il lavoro che c’è dietro, perché le persone neanche la apriranno. 

Anche qui, crea curiosità, stupore o fai leva su vantaggi e benefici per la persona che dovrà leggerla. Non usare mai domande con risposta sì o no, ma usa piuttosto “Come”, “Perché”, “Cosa” etc., lasciando intendere che la risposta sia proprio nella mail.

9. Crea una guida

Una bella guida ai migliori acquisti per il Black Friday, con tuoi prodotti selezionati, ben impaginata e graficamente coerente all’immagine del brand, da riproporre su diverse piattaforme o usare come lead magnet, come esca per generare nuovi contatti.

Perché investire così tanto tempo (e soldi se hai bisogno di un grafico che ti aiuti e non sai usare strumenti come Canva o Adobe Spark) in un contenuto del genere? Perché il nostro cervello tende a risparmiare energia, e se siamo di fronte a troppe scelte, tendiamo a non scegliere.

La guida dev’essere pensata per il cliente, per aiutarlo a prendere una decisione. Dai un’occhiata a ciò che ha fatto Mediaworld per il Black Friday, raggruppando i migliori accessori per Pc.

Deve diventare una risorsa per noi e per gli altri. Più conosci il tuo cliente come buyer persona, i suoi desideri, paure, bisogni, più sarai in grado di proporti come soluzione. 

Piccolo consiglio di copywriting: fai in modo di proiettare il tuo cliente già nel futuro; fagli immaginare come sarebbe la sua vita se avesse già il tuo prodotto.

Tra tutte le strategie di marketing per il Black Friday questa è quella che ritengo più difficile da realizzare se sei un ristoratore. Ma sicuramente puoi pensare di realizzare una guida in modo diverso e per altre occasioni.

Guida ai migliori acquisti per il Black Friday: l'esempio Mediaworld

Manca pochissimo a scoprire il consiglio che non ti aspetti, ma prima passiamo al decimo.

10. Allunga il Black Friday

In origine, il Black Friday durava una sola giornata. 24 ore di sconti. Adesso, invece, dura anche una settimana o dieci giorni per le grandi aziende, il weekend per le piccole medie imprese.

Tuttavia c’è questa tendenza ad allungarlo sempre di più e portarlo fino al Cyber Monday, il lunedì inventato per incentivare gli acquisti online, che viene subito dopo il fine settimana. Anche questa è una strategia che mi sento di consigliare più a chi ha un e-commerce o vende prodotti fisici, rispetto ai ristoratori, tendenzialmente chiusi il lunedì.

Eccoci arrivati quasi alla fine, e al momento di svelarti qual è questa strategia +1 di cui ti ho parlato sin dall’inizio.

10+1. Non fare il Black Friday

Ebbene sì, concludere un articolo sulle strategie di marketing per il Black Friday dicendo di non fare il Black Friday pare proprio strano. Ma non lo è, fidati: anche questa, infatti, è una strategia.

Fare sconti non è obbligatorio e, anzi, per alcune imprese è insostenibile e controproducente. Il vero punto di forza diventa comunicarlo. E comunicarlo bene, spiegando perché fare sconti non è in linea con la gestione e i valori aziendali.

Nell’andare controcorrente bisogna saper passare un messaggio forte, di rottura rispetto al resto. Un messaggio che dà ancora più valore all’impresa. Nella foto puoi vedere un bell’esempio di Away, azienda che produce valigie e complementi (ps: sbircia anche la loro pagina About, perché è un altro grandissimo esempio di comunicazione).

Le strategie di marketing per il Black Friday finiscono qui. Quali testerai? Parliamone insieme nei commenti.

Commenta